Tutti ci pentiamo di qualcosa di fatto o non fatto nella vita, in particolare quando ci avvicina all’età in cui sono tante le cose fatte e la voglia di farne ancora altrettanto. Ma non è più la stessa cosa di quando si aveva qualche anno in meno.

La cosa più comune è pentirsi degli errori commessi, in particolare nel proprio lavoro, nel privato, si sa, si è più indulgenti.

Dopo una vita passata ad occuparmi di marketing, scopro che questa disciplina di gestione aziendale e quindi del business, è diventato un argomento di confronto fra opinioni, le strategie dibattute alla pari della formazione della Nazionale di calcio.

Prendo a prestito la definizione di un arguto scrittore di saggi sulla Mafia, degli anni della mia giovinezza, a cui posi la domanda: “Ma cos’è veramente la Mafia?” e lui mi rispose: “Tutto è mafia, niente è mafia”.

Trasponendo questa definizione oggi al mio lavoro mi sento di affermare: “Tutti marketers, nessun marketing.” I risultati dell’economia del nostro Paese lo confermano.

Questo all’origine del mio pentimento.

Con questo blog ho deciso di descrivere ciò che, secondo il mio parere, sono situazioni in cui il marketing può essere in grado di dare una mano, a tutti, indistintamente, in qualsiasi settore, di qualsiasi professione per migliorarsi. Essere più produttivi e redditizi. Istantanee di vita quotidiana che vi esorto a commentare e condividere per un beneficio di tutti coloro che vorranno seguire queste pagine.

Hi,

 

 

Un esperto è uno che ha fatto tutti gli errori possibili nel suo campo.

Niels Bohr (fisico)

Non scrivete mai un annuncio che vi vergognereste di mostrare alla vostra famiglia.

David Ogilvy (pubblicitario)

Inviami un messaggio